“Un’intera umanità” di Sergio Costa.

premio_2016L’opera prima di Sergio Costa, “Un’intera umanità”, racchiude tutto il lavoro, “Il laboratorio” di scrittura che questo giovane poeta ha sintetizzato e raccolto in questi anni. Autore poco prolifico, Costa, di cui si erano avute anticipazioni del suo lavoro sull’Almanacco dello Specchio e su Quadernario, giunge all’elaborazione del suo compito poetico. Una poesia di attese, non solo materiali ma anche di “pensiero allargato”, verso le somiglianze inquiete ed ambientali fra “animali e uomini”. La scrittura delle pose, dei tratti marcati e di differenza fra le specie di esseri viventi è vincente: “Ed ecco le squame/ ispessirsi, il becco o i canini./ Qui un ala o una coda/ ecco i peli e i capelli, la cresta./ L’occhio percepisce le cose, non gira/ mai a vuoto l’olfatto./ Così s’allungano il radar, l’udito. E appare/ a volte severissimo il pollice”. Maurizio Cucchi scrive giustamente nell’introduzione che Sergio Costa ci presenta: “…svariati quadri dei personaggi senza volto…”. Interessante anche l’elaborazione di un capitolo all’interno del volume composto di prose poetiche che tessono l’immediato confronto di eleganti missive: “Nient’altro, la città/ sono le insegne presso le quali al buio si scende,/ numeri, nomi, non visti. E addio. Quanto è passato,/ ogni cosa vuole restare in pace e inghiottita e non/ può. Così ognuno qua dentro nel sonno”. La simbologia dei personaggi, siano essi uomini o animali, parte dal riassorbimento del proprio ruolo, dato o voluto all’interno della specie come all’interno della società vivente.

                                                                                                                              Luca Minola

Da Animali, uomini

*

Ed ecco un primo nucleo formarsi.
Da vicino, più da vicino
la massa appare distintamente omogenea
divisa in celle o comparti.
Ma già mesi dopo, ore più tardi
la pappa s’è fatta animata
sgambetta malcerta, mette piume o colori
d’un rosa tenero
d’un rosso fulvo, tutta la gamma
dei bianchi e dei verdi
in zone specifiche. Quindi
gracchia o crepita o fischia, rischia
la prima parola. Ed ecco le squame
ispessirsi, il becco o i canini.
Qui un’ala o una coda
ecco i peli e i capelli, la cresta.
L’occhio percepisce le cose, non gira
mai a vuoto l’olfatto.
Così s’allungano il radar, l’udito. E appare
a volte severissimo il pollice.

 

 

Da L’adolescente

*

La gelatina aveva prodotto una crosta
come un velo opaca, leggera.
Eppure là sotto, nel vasetto
il marmocchio vedeva
affacciarsi i continenti di un mondo
subumano e misterioso
mutante, sconvolto
dalla violenza del sisma.

 

*

La ragazza ha occhi di un verde
scuro come una macchia,
lì ci si inoltra dentro una notte
fitta di echi, ci si perde
seguendo la vita minima delle foglie
lo scricchiolio rassicurante
dei passi, con certezza sapendo
di essere accolti.

 

Da In due

*

SUL PONTE, 1985

Il cielo è pulito e l’aria pizzica.
E c’è un vento che viene dal mare
che si mostri sui nostri vestiti come un panneggio.
Così l’azione regolare, quotidiana
che tu compi chiudendomi
con cura la giacchetta sul ponte
è quella di un’intera umanità.
Per me soltanto lì si condensa.

 

 

Nota biografica.

12241717_10208078745555349_360225857914655966_nSergio Costa è nato a Basilea (CH) nel 1984. Ha studiato comunicazione a Palermo laureandosi con una tesi su Giampiero Neri. Si è specializzato in editoria a Pavia e ha lavorato in qualità di redattore e consulente editoriale a Milano. Suoi testi sono apparsi sull’Almanacco dello Specchio 2008 (Mondadori), Quadernario (Lietocolle,2014) a cura di Maurizio Cucchi, e sulla rivista Poeti&Poesia per la cura di Roberto Deidier. Ha vinto i Premio Maria Marino (Caltagirone 2009), il Premio Sandro Penna (Città della Pieve 2013), e il Premio CetonaVerde per l’opera inedita (Cetona 2015).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...